Con un ramo, al quale nulla mai fu somigliante,

ancora una volta nell’estate Dio sarà annunciato –

lui, la pianta – e stormirà incontro al compimento:

in una terra in cui gli uomini ascoltano in silenzio,

dove ciascuno è solo, così come lo sono io.

A chi è solo unicamente viene schiuso,

e a molti che lo sono in modo uguale

è dato più che a uno solo.

Poiché a ciascuno un Dio diverso si vorrà mostrare,

finchè sapranno, prossimi alle lacrime,

che attraverso il loro innumerabile indagare,

il loro udire e dubitare,

disperso in cento modi d’essere,

un Dio soltanto avanza come un’onda.

Questa è la preghiera estrema

che quelli che avran visto si diranno:

Dio, radice, ha dato frutto,

andate, frantumate le campane;

siamo arrivati ai più silenti giorni,

in cui matura l’ora si riposa.

Dio, radice, ha dato frutti.

Siate fervidi, guardate.

Rainer Maria Rilke

-Il libro d’ore-