Francesco vuole che i suoi frati

siano ovunque ‘garbatamente lieti’.

Beato quel religioso, che non ha la giocondità e letizia se non nelle santissime parole e opere del Signore e, mediante queste, conduce gli uomini all’amore di Dio con gaudio e letizia.

Fonti Francescane 70