Quando abbiamo un momento di pausa nelle nostre attività, in modo speciale durante le vacanze, spesso prendiamo in mano un libro che desideriamo leggere. E’ proprio questo il primo aspetto su cui vorrei soffermarmi. Ognuno di noi ha bisogno di tempi e spazi di raccoglimento, di meditazione, di calma …

Grazie a Dio che è così! Infatti, questa esigenza ci dice che  non siamo fatti solo per lavorare, ma anche per pensare, riflettere, oppure semplicemente  per seguire con la mente e con il cuore un racconto, una storia in cui immedesimarci, in un certo senso  ‘perderci’ per poi ritrovarci arricchiti.

Naturalmente molti di questi libri di lettura, che prendiamo in mano nelle vacanze, sono per lo più di evasione e questo è normale.

Tuttavia, varie persone, particolarmente se possono avere spazi di pausa e di relax più prolungati, si dedicano a leggere qualcosa di più impegnativo.

Vorrei allora fare una proposta: perché non scoprire alcuni libri della Bibbia che normalmente non sono conosciuti?

O di cui forse abbiamo ascoltato qualche brano durante la Liturgia, ma che non abbiamo mai letto per intero?

In effetti, molti cristiani non leggono mai la Bibbia e hanno di essa una conoscenza molto limitata e superficiale. La Bibbia – come dice il nome – è una raccolta di libri, una piccola ‘biblioteca’, nata nel corso di un millennio. Alcuni di questi ‘libretti’ che la compongono rimangono quasi sconosciuti alla maggior parte delle persone, anche buoni cristiani.

Alcuni sono molto brevi , come

il Libro di Tobia, un racconto che contiene un senso molto alto della famiglia e del matrimonio

o il Libro di Ester, in cui la Regina ebrea, con la fede e la preghiera, salva il suo popolo dallo sterminio

o, ancora più breve, il Libro di Rut, una straniera che conosce Dio e sperimenta la Sua provvidenza.

Questi piccoli libri, si possono leggere per intero in un’ora.

Più impegnativi, e autentici capolavori, sono

il Libro di Giobbe, che affronta il grande problema del dolore innocente

il Qoèlet, che colpisce per la sconcertante modernità con cui mette in discussione il senso della vita e del mondo

il Cantico dei Cantici, stupendo poema simbolico dell’amore umano.

Come vedete, questi sono tutti libri dell’Antico Testamento.

E il Nuovo? Certo, il Nuovo Testamento è più conosciuto e i generi letterari sono meno diversificati. Però, la bellezza di leggere un Vangelo tutto di seguito è da scoprire, come pure raccomando gli Atti degli Apostoli, o una delle Lettere.

In conclusione, cari amici,  vorrei suggerire di tenere a portata di mano, durante il periodo estivo o nei momenti di pausa, la santa Bibbia, per gustarla in modo nuovo, leggendo di seguito alcuni suoi Libri, quelli meno conosciuti e anche quelli più noti, come i Vangeli, ma in una lettura continuata. Così facendo i momenti di distensione possono diventare, oltre che arricchimento culturale, anche nutrimento dello spirito capace di alimentare la conoscenza di Dio e il dialogo con Lui, la preghiera.

E questa sembra essere una bella occupazione per le ferie: prendere un libro della Bibbia, così per avere un po’ di distensione e, nello stesso tempo, entrare nel grande spazio della Parola di Dio e approfondire il nostro  contatto con l’Eterno, proprio come scopo del tempo libero che il Signore ci dà.

Benedetto XVI°

Udienza generale 3 agosto 2011