Ma ora è il sangue di Cristo a mondare

i nostri cuori dalle opere morte,

a fare specchio di Lui la coscienza,

a convertire la vita in offerta.

Lui sacerdote di beni futuri,

unico e sommo, venuto per sempre

a stender sopra la terra intera

il nuovo arcobaleno di pace.

Col proprio sangue ha voluto firmare:

senza il sangue non vi è redenzione,

ultimo sangue da esser versato,

segno e promessa che vince l’amore.

Ogni figura così è compiuta

Egli attraversa i cieli per sempre;

questa la nuova ed eterna alleanza:

un corpo dato in cibo e bevanda.

p. David Maria Turoldo

Per la Croce, su cui muore il Figlio,

divino tralcio dove Dio vendemmia,

Cristo Gesù, noi Ti benediciamo.

Per la Croce, che porta il fuoco in terra,

roveto ardente in cui l’amore si rivela,

Cristo Gesù, noi Ti glorifichiamo.

Per la Croce piantata sul Calvario,

ramo vivente che guarisce il male,

Dio vittorioso, la Tua Chiesa Ti acclama.

Per il legno che ha cantato le nozze

di un Dio vivente con l’umanità,

Cristo Gesù, noi Ti benediciamo.

Per il legno, che innalza in piena forza

il Figlio d’uomo, perché attiri l’universo,

Cristo Gesù noi Ti glorifichiamo.

Per il legno, che consacra il sacrificio,

del sacerdote offerto per il mondo,

Dio vittorioso, la Tua Chiesa Ti acclama.

Didier Rimaud

Dio, la fame che dentro ci strazia,

di questo pane che fame scatena:

pane che sazia nel mentre alimenta

la stessa fame che nulla più spegne!

Solo chi mangia di questo Tuo pane

dell’altro pane deliba il sapore:

e ne fa parte ai fratelli, e lo gode:

senza il tuo pane non c’è altro pane!

Di questo pane che solo ci sazia

che sazia l’anima e il cuore dispone

a farsi pane alla fame degli altri,

in abbondanza Tu donaci sempre.

Donaci, Padre, il pane di Cristo,

perché nessuno più muoia di fame:

e nostro cibo e bevanda sia fare

pure noi sempre la tua volontà.

p. David Maria Turoldo

–      Croce del coro invernale-

Monastero san Giuseppe – Suore Domenicane – Cr.-

Annunci