Ho pensato molto se scrivere o meno di questo episodio che risale agli ultimi mesi dell’anno scorso e di cui si è sparlato abbastanza e nonostante tanti dubbi, voglio segnalarlo perché conosco questo sacerdote, anni fa ho fatto esperienza nelle sue comunità e ho mantenuto i contatti con i soli esempi di bontà -perenne che ogni volta ho ricevuto in cambio ad ogni visita. Perché forse aiuterà anche altre anime che stanno attraversando periodi bui e di grandi difficoltà.

Voglio segnalarlo per sottolineare – qualora ce ne fosse bisogno – l’enorme disagio che serpeggia anche all’interno della Chiesa e delle sue comunità, dove si sprecano molte energie nelle critiche reciproche quando non sono vere e proprie lotte intestine, tralasciando aiuti preziosi ai gridi sepolti nelle anime di ognuno ….

Spesso chi si trova solo o con poche anime armate di buona volontà, è costretto a portare pesi spesso superiori alle proprie forze e per sopperire alla mancanza di aiuti e sostegno, spesso si può anche cadere là dove si avrebbe voluto portare solo aiuto.

Spesso la mancanza di buoni esempi, di santità nei pensieri e nei comportamenti ha effetti devastanti su anime stanche e sopraffatte dai mali e dal male del cuore dell’uomo.

Non ci vogliono grandi discorsi, ogni cristiano che si definisca tale SA di essere nulla e di nulla potere senza l’aiuto di Dio e ogni cristiano che si ritenga tale, sa che senza la preghiera costante a cui attingere forza e grazia per la propria conversione, non può sostenere a lungo compiti gravosi.

Perché noi non siamo e possiamo nulla senza di Lui e se davvero avessimo il coraggio di un quotidiano grande bagno di umiltà e di generosità, la Chiesa potrebbe portare frutti abbondanti di conversione e grazie e rivoluzioni profonde, capaci di cambiare i cuori degli uomini.

Ognuno  impegnato a convertire e santificare se stesso, attingendo alle fonti della Parola e dei Sacramenti e non alle diatribe verbose e disgreganti che caratterizzano proprio gli ultimi tempi.

Se solo comprendessimo la portata di quanto ci viene chiesto in questi tempi, tanto male, tanta sofferenza, tante cadute sarebbero risparmiate anche agli altri.

p. Pio arrivò  a scrivere che:

‘Dio conosce benissimo la ragione per cui permette queste cadute nei suoi eletti. Quand’anche in questo non vi si ricavasse che il solo profitto della mortificazione delle anime, sarebbe gran cosa ’.

La Chiesa che vorremmo, dipende innanzitutto da noi, dal piccolo apporto che ognuno di noi può portare e non moltiplicando discorsi e parole e verbosità inutili e deleterie, ma logorando ginocchia davanti a tabernacoli supplicando  pietà e grazia per la nostra di conversione, che si traduce in opere.

Che Maria e tutti i Santi, Profeti e Martiri del Cielo, ci illuminino, trasformando le nostri menti  e i nostri cuori, in sacrificio santo e gradito a Dio .

Che distruggano le idee mortifere di giusti-incalliti che abbiamo di noi stessi, per permettere alla grazia di Dio di agire nella realtà del nulla che tutti noi siamo di fronte a Lui.

E i doni che per grazia abbiamo ricevuto, sono solo Suoi e per il bene della Sua Chiesa.

Che ci renda degni di usarli con santità, anche nelle cadute che a volte ci possono toccare, come a questa grande anima che il Signore mi ha donato di incontrare e per cui non smetterò di ringraziarLo!

Amen.