O amico dell’anima, padre misericordioso,
piega il Tuo servo a compiere il Tuo volere!
Correrà allora il Tuo servo come un cervo,
si prostrerà dinanzi alla Tua gloria,
poiché gli sarà dolce la Tua amicizia,
più di un favo di miele e di ogni altro sapore.

O Tu glorioso, splendido, ornamento del mondo,
l’anima mia è malata dell’amor Tuo!
Ti prego dunque o Dio risanala Tu,
mostrandole con dolcezza la Tua gloria:
allora essa ritroverà forza e salute,
e diverrà Tua ancella in eterno!

O antico, muoviti a misericordia
e abbi pietà di un figlio che Ti ama,
poiché questi ha bramato con ardore
di vedere lo splendore della Tua potenza:
ti prego dunque o mio Dio, delizia del mio cuore,
accorri, non stare nascosto!

Rivelati Ti prego e su di me
stendi o diletto la tenda della Tua pace,
illumina la terra con la Tua gloria
e noi esulteremo e gioiremo in Te.

Presto o amato poiché è giunto il tempo:
abbi pietà di me come nei giorni antichi.