Gesù, con le mani incatenate, viene condotto davanti ai giudici

come una pecora al macello.

Oggi Egli ti dice:

Vieni a me, a Gesù prigioniero,

quando il tuo cuore è senza pace e lacerato dalla sofferenza.

Vieni a Me quando sei disperato, come i discepoli

dopo il Mio arresto, e non riesci più a comprendere

Dio e la Sua guida.

Se vuoi sperimentare la Mia pace e la Mia forza

che ti aiuta a vincere e ti sostiene,

allora sottometti il tuo volere e i tuoi desideri

alla volontà di Dio, anche se dovesse costarti molto.

Lasciati legare alla Sua volontà

accettando le circostanze in cui ti trovi:

il posto dal quale vorresti fuggire,

gli uomini dai quali vorresti liberarti,

il matrimonio che trovi difficile,

il lavoro che non ti piace, la vita che ti sembra pesante

 lasciandoti così poca libertà per seguire i tuoi interessi.

In tali situazioni dì: ‘La volontà di Dio è amore,

il Suo cuore è solo bontà e buone sono le vie lungo le quali mi conduce’.

Allora sarai unito a Me, a Gesù prigioniero,

e la Mia vicinanza colmerà il tuo cuore di pace e di consolazione.

Marco 14,43-50 – 1Pietro 5,6-11

M. Basilea Schlink

Icona di Michael O’Brien